VENERDì 10 NOVEMBRE 2017, ORE 18.30 : INCONTRO CON MATTEO PIOPPI E PRESENTAZIONE DI “VISTO CENSURA”

Via Montesanto, 28 Cagliari

Prosegue venerdì 10 novembre 2017 alle 18.30 in Via Montesanto 28 a Cagliari, la rassegna “DENTRO. Rassegna cinematografica sulle carceri, i muri, la vita nonostante”, organizzata dal Circolo del Cinema Laboratorio Ventotto.

In compagnia di Matteo Pioppi (bébert edizioni) presentiamo e discutiamo il testo di recente pubblicazione “VISTO CENSURA. Lettere di prigionieri politici in Italia (1975-1986)“. Seguirà chiacchierata allo sfinimento con una cena di autofinanziamento che prevede squisitezze a buffet e bevande (costo 10 euro; adesioni: laboratorioventotto@gmail.com)

 

 

 

Noi non siamo ‘carcerati’: non siamo nati in carcere. L’essere carcerati è solo una dimensione del nostro essere contro lo stato presente delle cose. È vero che parliamo del carcere, ma ci piace soprattutto parlare della libertà!

 

 

Visto censura. Lettere di prigionieri politici in Italia (1975-1986), in uscita il 10 Febbraio 2017 per la collana Niandra di Bébert Edizioni, raccoglie la corrispondenza inedita di prigionieri politici, in prevalenza aderenti alle Brigate Rosse.
Sette documenti e 79 lettere da una molteplicità di voci, alcune delle quali testimoniano più di vent’anni di detenzione.
Pensato come uno strumento di pensiero critico, ma anche e soprattutto come un libro sul carcere, sugli “speciali” (Asinara, Palmi e Voghera) e sulle condizioni detentive di quel momento storico, Visto censura si pone l’obiettivo di analizzare un periodo che si è spesso voluto semplificare, trascurando le sfumature e procedendo a tentoni tra dietrologia e gossip giornalistico.

 

La complessità storica, le norme giuridiche e la condizione del corpo delle donne in carcere racchiusa nelle lettere richiedevano di essere approfondite. Per questo il libro è introdotto da tre saggi concepiti come necessario strumento di lettura. Lorenzo De Sabbata (dottorando presso il Centre de Recherche Historique de l’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi) si è occupato di una contestualizzazione storica del fenomeno della lotta armata. Simone Santorso (docente di Criminologia presso l’Università di Hull, UK) ha descritto l’evoluzione del sistema carcerario con un focus sulle carceri speciali. Giulia Fabini (dottore di ricerca in Law and Society presso l’Università degli Studi di Milano e collaboratrice in Criminologia presso l’Università di Bologna) ha esplorato la sfaccettata e finora poco indagata questione del corpo della donna detenuta.

 

 

 

 

Il lavoro di ricerca è stato curato dalla redazione di Bébert Edizioni: dalla lettura delle lettere provenienti da fondi privati, passando per la riscrittura, fino alla catalogazione e al riordino all’interno delle quattro sezioni di questo volume: Affettività, Carcere, Politica e Documenti, anche questi ultimi inediti.
Per facilitare la lettura, il libro è infine corredato di un piccolo Glossario contenente le principali organizzazioni politiche, il lessico giuridico e carcerario presenti nel testo.

 

Continuiamo faticosamente a lottare per non cadere nella trappola della noia e dello squallore contemporaneo, nel vittimismo, per mantenere una dimensione gioiosa, rabbiosa, vitale che è la sola vera espressione di noi, delle tensioni e dei desideri che abbiamo nel profondo.

 

Il nostro tentativo è quello di dare voce alla complessità e alle contraddizioni di un’esperienza storica, creando un archivio di narrazioni e documenti che ne svelano la dimensione personale e umana. Per questo abbiamo scelto che a parlare fossero direttamente i protagonisti, che attraversano scioperi della fame, rivolte, riflessioni politiche, rapporti affettivi dentro e fuori dal carcere.

Questo libro è nato anche grazie alla collaborazione con Vincenzo Solli, animatore della rivista Soffione Bora (Lu) Cifero che, tra gli anni ’70 e ’80, raccoglieva componimenti dei detenuti. Senza la sua corrispondenza ostinata con i reclusi, Visto censura non sarebbe stato possibile.

 

Mi sono chiesto: come mai oggi molti compagni/e (me compreso) stanno esprimendo ciò che provano rispetto alla vita che conducono, ripensano più intensamente al loro passato, le loro sensazioni quotidiane, esprimono attenzione per quelle che appaiono come “piccole” cose della vita? In poche parole: stiamo parlando molto più di noi stessi e di conseguenza tra noi e gli altri. (…) Tutto ciò non è casuale e io credo che tra gli svariati motivi e tutti importanti, ci sia la necessità e la voglia di comunicare altro/fuori il linguaggio della politica.

 

 

DENTRO. Rassegna cinematografica sulle carceri, i muri, la vita nonostante
Circolo del Cinema Laboratorio Ventotto
laboratorioventotto@gmail.com

 

 

Edited by www.ocos.altervista.org