SABATO 11 DICEMBRE, ORE 20 @SIRIO-TEATRO, Monserrato: ANDREA ANDRILLO IN CONCERTO

Circolo del Cinema Laboratorio28 e Associazione Sirio Teatro vi invitano al concerto di Andrea Andrillo, dove in un’atmosfera abbastanza raccolta, godere del suo ultimo disco “PROLAGUS. Canzoni e parole per resistere, per non morire”

L’iniziativa si inserisce all’interno della rassegna ‘DENTRO#2 | Cinema dei muri visibili e invisibili’ realizzata dal Laboratorio28 con il contributo della R.A.S. Ass. Pubbl. Istr., Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport.

Smarginature è la parte conclusiva della rassegna iniziata a settembre al Laboratorio28 e si è proposta come un’occasione di confronto a partire da differenti situazioni dove la marginalità non è un luogo soltanto di esclusione, ma anche di scelta e rivendicazione della propria alterità, di creazione di possibilità differenti: un pezzo di mondo scelto per agire una trasformazione, perseverare in una resistenza, preservarsi per come si è.

PROLAGUS.
CANZONI E PAROLE PER RESISTERE, PER NON MORIRE

Il Prolagus Sardus è un po’ l’emblema della vita animale che viene annientata e scompare irreparabilmente. Andrillo, proietta l’estinzione di quel piccolo parente prossimo del coniglio, ai tempi nostri, per ragionare di un altro genere di possibile estinzione: quella della sua lingua, della sua cultura, di sé stesso e della sua comunità. Con questo progetto composto da un libro e da un disco si ripropone di utilizzare una lingua a rischio di estinzione in contesti più ampi con pari dignità e forza espressiva delle altre lingue.

ANDREA ANDRILLO ama pensare che il suo compleanno artistico risalga al Natale del 2015, allorché diede un concerto acustico all’interno della tholos del magnifico Nuraghe Santa Barbara di Villanova Truschedu (Oristano).
In realtà tutto era (ri)cominciato a piccole dosi, per così dire, poco prima del 2015 assieme al gruppo di poesia “mobile” Matitate in giro per strada e per luoghi inconsueti: botteghe di parrucchieri, vagoni della metro o cantine sociali, con l’idea di portare la poesia e la musica fra la gente.“Atlantide prima della pioggia” (2015), è il titolo del primo dischetto, totalmente autoprodotto, stampato “artigianalmente”, in piena conformità allo spirito “DIY – do it yourself ” “, cui seguono decine di concerti un po’ ovunque. Grazie a Gianni Maroccolo (ex Litfiba e CCCP), per il quale Andrillo apre due date, il Nostro entra in contatto con una piccola e coraggiosa etichetta toscana, la Radici Music Records, per la quale usciranno successivamente ben due album – “Uomini, bestie ed eroi”, nel luglio 2018 ed “Elusive – A Soundtrack to Mark’s Diary” ,nel luglio 2019Contemporaneamente, Andrillo continua a scrivere, suonare e collaborare: per il teatro scrive le musiche di commedie agrodolci, “Finché LEI non ci separi” di Annaliza Zedde e Mauro Sollai, (2018), e – ancora per Zedde/Sollai, per “Volevo solo fermarmi a guardare il mare”, (2019)Al cinema, Andrillo lavora con il pluripremiato regista Giovanni Coda, collaborando alle musiche del corto “Xavier” e soprattutto con la colonna sonora di Mark’s Diary”, un lungometraggio che, al pari delle altre opere di Coda, fa incetta di premi in importanti festival cinematografici in giro per il mondo.Nell’estate del 2019 “Elusive, a Soundtrack to Mark’s Diary”, raggiunge sorprendentemente la posizione nr 38 nelle classifiche itunes dedicate ai songwriters/cantautori in Canada.Successivamente uno dei suoi brani viene utilizzato per uno spot contro la violenza di genere promosso dalla Città di Iglesias (a cura del regista Cristian Castangia) e intanto esaurisce la sua prima tiratura. Ma ecco che arriva il covid e tutto si fermaCiò nonostante, inaspettatamente, nel novembre del 2020, in piena pandemia, S’Ardmusic e Abbà Editore danno alle stampe “Pròlagus, canzoni per resistere, per non morire”, un libro-disco che si avvale della collaborazione di Fiorenzo Caterini (antropologo/storico), di Fracesco Casula (studioso della lingua e della letteratura sarda e storico), di Ivo Murgia (scrittore, editore egli stesso, studioso della lingua sarda) e Pier Franco Devias (segretario del partito indipendentista sardo Li.ber.u e già autore del testo di Su Patriotu, incluso nel primo disco di Andrillo).Il libro nasce attorno a spunti e suggestioni provenienti dal disco cui fa da corollario, un disco intimista, sentito e pieno di colori; undici canzoni di cui due totalmente in spagnolo e le altre in sardo, eccezion fatta per piccole, significative, simboliche contaminazioni della lingua inglese nei testi.Nell’estate del 2021, fra i tanti concerti – di cui uno in apertura del concerto di Max Gazzè e uno in apertura del Karel Music Expò, “Prolagus” vince il prestigioso Premio Cervo come uno dei migliori 5 album del 2020.


Discografia: 2015 -Atlantide prima della pioggia – 2015 – EP autoprodotto.
> 2015, assieme a Magnetica Ars Lab – brano digitale: United Nothing (Srebrenica July 11, 1995)Luglio 2018 – “Uomini, bestie ed eroi” – Radici Music RecordsDicembre 2018 “Bitter Song”, cd single, Radici Music RecordsLuglio 2019 – Elusive, a Soundrack to Mark’s Diary, a Film by Jo Coda
NOvembre 2019 – Y ser como el mar – cd singolo con le musiche dello spettacolo “Volevo solo guardare il mare”, di Annalisa Zedde e Mauro SollaiNovembre 2020: “Prolagus, musica e parole per non morire” – S’Ardmusic/Abbà editore

Edited by www.ocos.altervista.org